martedì 1 maggio 2012

ERIKAH BADU AL CONCERTO DEL PRIMO MAGGIO 2001


Sicuramente il miglior live act di sempre del concerto romano del Primo Maggio. Entrò sul palco accolta da un generale scetticismo, del resto il cartellone di quell'anno, 2001, prevedeva Pelù, Britti, Mannoia, 99 Posse - ci siamo capiti no ? - e dette una lezione di stile e di bravura a tutta la compagnia cantante. Peccato che anche allora ci fu chi non capì 'na mazza sull'arte della nostra, leggete cosa scrisse il Corriere della Sera: "L' ETEREA BADU - La regina del new soul è dispersiva e troppo «raffinata» per una piazza così dilatata. Erykah Badu col suo mega-turbante si fa precedere da dieci minuti di intermezzo strumentale in cui le coriste ripetono il suo cognome. La divina si accende una sigarillo, dice ciao. A un certo punto grida alla folla un po' spaesata di «urlare»." Un raffinato ed esplicativo esempio di critica musicale, oserei dire.
Per fortuna i più avveduti tra gli spettatori, resisi conto che non avevano davanti una peracottara "dispersiva e troppo raffinata", tributarono il giusto omaggio all'artista americana e chissà, forse a qualcuno, tra un Pelù ed un Britti, si accese la fiammella del soul.
EDIT: Mi sono accorto che il post è venuto simile ad un altro scritto lo scorso anno. Va beh, il mio grado di bollitura avanza, ma ormai è fatto, e non ho voglia di cambiarlo.

5 commenti:

  1. Irriverent Escapade2 maggio 2012 09:14

    Sono anni che non leggo recensioni letterarie, figurati quelle musicali scritte dai "parrucconi" quotidiani, che se muovono le loro imbalsamate terga per andare ad un concerto, stai sicuro che nevica blu a ferragosto.
    Bypasso volentieri anche quel minestrone di retorica, populismo, marchette e dischi da promuovere o carriere da scongelare che e' il concertone del Primomaggio....e ti diro', Badu a parte (ma me l'hai fatta recuperare tu) , sono contenta di essermelo perso a favore di uno strepitoso Marco Paolini ;-)

    RispondiElimina
  2. Come ho letto da un mio lettore ,il concerto del primo maggio è il nuovo sanremo, ma peggio, almeno li si è consapevoli che è un meccanismo creato dalle case discografiche, là è la stessa cosa ma lo si fa passare come appuntamento cultural-alternativo, ma è un coacervo della peggior retorica in salsa pd.

    RispondiElimina
  3. Non ho visto il concerto... grazie della segnalazione, Love Erykah (ciao bro).

    RispondiElimina
  4. Harmonica, sono completamente d'accordo con te sul concerto del primo maggio.
    Quest'anno c'è stata pure la roba dei pezzi di "classic rock" in versione orchestrale, non classificabile...

    RispondiElimina
  5. Grazie per aver condiviso la mia tesi sul "new sanremo" (sono io quel "lettore"), un festival senza gara con al posto dei fiori bandiere rosse e pugni chiusi, altrettanto decorativi. Io non guardo entrambi da secoli, ma oltre alla scarsa qualità quest'anno ad accomunarli ci ha pensato anche la nuova folle moda delle cover massacrate, ho letto.

    RispondiElimina

Scrivete quello che vi pare, ma lasciate un nome.
Ogni commento offensivo sarà eliminato.