mercoledì 25 marzo 2015

CLASSICI: VOCAZIONE - ENZO CARELLA



L'altro giorno, mentre stavo leggendo una discussione su Facebook, mi ha colpito il commento di un utente il quale affermava che in Italia a livello di musica pop siamo tornati indietro agli anni 50, ovvero"siamo tornati all'epoca di Pat Boone". L'affermazione è da sottoscrivere in quanto, ora come allora, le classifiche di vendita sono piene di cantanti innocui che raccontano di angosce sentimentali, apprezzati e approvati dai genitori e dai nonni (ahi) e quindi ritenuti adatti per la loro giovane prole (si parla di adolescenti). Insomma di artisti che del pop ne fanno uno stato dell'arte o provano a dire qualcosa di originale almeno per adesso qui in Italia sembra che non ci sia niente in vista (non mi vorrete mica spacciare per nuovi Dente e compagnia, vero?) e tanto meno di apprezzabile per le mie trombe di eustachio, quindi spero che mi scuserete se per l'ennesima volta devo andare indietro nel tempo per cercare un esempio di quello che era la ricerca artistica applicata alla canzone così detta "leggera".

Oggi parleremo di un disco uscito nel 1977 ad opera di un musicista romano le cui gesta hanno un che di epopea leggendaria: si perché quando si parla di Enzo Carella ci troviamo di fronte all'epica di un certo tipo di canzone d'autore italiana, in questo caso di quella più immaginifica, quasi come fosse essa stessa inesistente o forse soltanto perché troppo in anticipo sui tempi. Carella quindi e "Vocazione" il disco in oggetto, o del trasformare in opera d'arte otto canzoni scritte in collaborazione con un altro personaggio che sembra uscito da un quadro di Magritte: Pasquale Panella.

Il surrealismo in parole che incontra la musica: ben prima di averci donato i capolavori realizzati insieme a Lucio Battisti, Panella entrò come una novità assoluta nel mondo della musica leggera italiana proprio con questo album che a distanza di anni suona ancora moderno e rimanda al discorso che facevamo all'inizio: non un arruffianamento verso il pubblico ma una sana voglia di tirar dritto e di rivoltare come un calzino quello che era la musica di consumo di allora.

La title track di per se basterebbe per gridare al miracolo: ci troviamo di fronte ad un testo sonoro che si nutre di musica nera e rock cucito sopra le parole di Panella e impreziosito dal lavoro magistrale di Fabio Pignatelli dei Goblin al basso.
Ma il disco contiene altre perle, due su tutte: "Fosse Vero" e "Malamore", due canzoni dove  la ricerca sonora va di pari passo ai calembour lessicali dei testi di Panella, un intrigante e incisivo sound permeato dal funk americano all'interno della melodia italiana, si da far tesoro della lezione di Lucio Battisti. Altre suggestioni possiamo trovare nell'album, come ad esempio la fascinazione per le sonorità americane in quota Steely Dan e comunque in tutto il lavoro si respira un'aria che rifugge dai soliti luoghi comuni di cui era intrisa la musica leggera italiana degli anni 70.
"Vocazione" è stato e rimane uno degli album più belli e più importanti della musica pop italiana, anzi, della musica italiana tout court, sparito dalla circolazione troppo presto (non è stato ristampato in cd) ma che ad ogni nuovo ascolto accresce la meraviglia e lo stupore per si tanta bellezza.


2 commenti:

  1. Bello. Lo conoscevo solo di nome. Grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te. E' un grande disco e un gran musicista.

      Elimina

Scrivete quello che vi pare, ma lasciate un nome.
Ogni commento offensivo sarà eliminato.